Il Bloemenmarkt: guida completa del mercato di fiori galleggiante di Amsterdam

Mercato dei Fiori Amsterdam

Il mercato dei fiori di Amsterdam, il Bloemenmarkt, è una delle attrazioni principali della città. A differenza  di molti altri punti di interesse della capitale, il Bloemenmarkt è da sempre meta costante non solo di turisti, curiosi di ammirare lo splendido spettacolo offerto dal mercato galleggiante, ma ogni giorno è frequentato dalle persone locali (gli olandesi per tradizione sono amanti dei fiori e del verde in generale) ma anche dagli amanti dei fiori e del giardinaggio provenienti da ogni parte del mondo. Qui infatti è possibile trovare ogni tipo di fiore o bulbo anche di specie floreali rare e pressoché introvabili in altri luoghi. Negli anni quindi il Bloemenmarkt è diventato uno dei poli europei principali per lo smercio dei fiori e delle piante con portata nazionale ed internazionale nonchè l’unico mercato dei fiori al mondo a poggiare interamente sull’acqua (motivo per il quale è stato dichiarato patrimonio dell’Unesco nel 2003).

Mercato dei fiori Amsterdam: storia

Il Bloemenmarkt  ha alle spalle una storia molto risalente nel tempo, fu inaugurato 157 anni fa ossia nel 1862 quando i vari mercanti della zona si spostavano con le loro chiatte tra i vari canali della capitale, attraccando poi momentaneamente presso il canale Singel (ubicato tra Muntplein e Koningsplein) per vendere la propria merce. Il Singel è uno dei canali più importanti e caratteristici della città. Fu scavato tra il 1428 e 1450 e questo lo rende uno dei più antichi canali della capitale oltre a presentare una forma a “ferro di cavallo” alquanto singolare se paragonata a quella degli altri canali di Amsterdam,inoltre, prima dell’espansione delle città, fino al XV secolo ha segnato il confine di Amsterdam con le altre città circostanti. Attualmente le chiatte sono permanenti (ben 15) e sono ubicate l’una vicino l’altra rappresentando ognuna una tipica serra olandese o almeno una versione ridotta di quelle serre tanto diffuse nelle campagne fiamminghe che hanno reso i Paesi Bassi,nel tempo ,il più importante polo florovivaistico internazione durante tutto l’anno. Sicuramente presso il Bloemenmarkt è possibile trovare ogni tipologia di tulipano il quale rappresenta uno dei simboli per eccellenza dell’Olanda in tutto il mondo. Furono introdotti nei Paesi Bassi circa 400 anni fa ossia durante il secolo d’oro olandese e vennero importati per la prima volta dall’Impero Ottamano. Attualmente la coltivazione di tale fiore rappresenta uno dei settori più redditizi per l’economia nazionale, non solo per la loro vendita su scala nazionale ed internazionale ma anche perchè richiamano milioni di turisti, le attrazioni che hanno fatto dei fiori il loro punto di forza sono tantissime, tra queste sicuramente spiccano: i giardini di Kaukenhof e l’asta di FloraHolland di Aalsmeer. Ma mentre tali attrazioni sono fruibili al meglio nei mesi di Marzo, Aprile e Maggio (ergo durante i mesi primaverili) il mercato dei fiori galleggiante di Amsterdam è un posto unico nel suo genere dove potranno trovarsi i tulipani tutto l’anno.

Bloemenmarkt: dove si trova e come arrivarci

La sede del Bloemenmarkt è il canale Singel che è ubicato tra la piazza Muntplein e il canale Koningsplein: il primo è il ponte più esteso della città, sospeso precisamente dove il canale Singel si congiunge con il fiume Amstel; il secondo è il più interno dei canali semicircolari navigabili, rete di canali che ha ottenuto il prestigioso riconoscimento dell’UNESCO come Patrimonio dell’Umanità nel 2010. Il mercato è facilmente raggiungibile sia per chi vorrà spostarsi in tram che in metro. Partendo da Piazza Dam i tram che collegano il Bloemenmarkt sono il: 4, 9, 14, 16, 24, 25 fermata Muntplein; oppure i  tram: 1,2,5 con fermata Koningsplein. La fermata della metropolitana più vicina invece è Waterlooplein: da lì si raggiunge il Bloemenmarkt in circa 10 minuti di passeggiata lungo il Singel. Ma un’alternativa ai mezzi pubblici molto valida può essere affittare una bicicletta, Amsterdam infatti è una città meravigliosa che offre infiniti scorci solo a chi è pronto ad avventurarsi nei percorsi meno battuti e turistici. Per chi ha possibilità di sostare più giorni ad Amsterdam un’ottima soluzione di risparmio sono i diversi abbonamenti che permettono l’accesso gratuito ai molti musei e attrazioni della capitale; tra questi sicuramente il principale è la “I Amsterdam City Card”. La “I Amsterdam City Card” è una tessera magnetica che consente di risparmiare non solo sull’ingresso in molti musei e attrazioni ma garantisce sconti anche in vari ristoranti e negozi della capitale olandese ed inoltre prevede anche la possibilità di viaggiare illimitatamente su tutta la rete di trasporto pubblico di Amsterdam. La card può essere acquistata online o nei desk informativi sparsi per la città. Ci sono diversi tagli che si differenziano in base ai giorni di validità dell’abbonamento, potendo scegliere tra un abbonamento di 24h fino a uno di 96h; la card con valenza giornaliera costa 59 euro, da 48h 72 euro, da 72h 86 euro, da 96h 98 euro. Chi acquisirà la card potrà usufruirne anche presso alcuni dei negozi circostanti il Bloemenmarkt famosi per la vendita di molti souvenir inerenti Amsterdam e l’Olanda potendo godere di forti sconti sulle merci acquistate.

Gli orari e le informazioni utili per recarsi al mercato

Il Blomenmarkt è aperto tutti i giorni dal Lunedi al Sabato dalle ore 9:00 alle 17:30. Il momento migliore per recarsi è sicuramente la mattina presto sia perché ci saranno meno persone e ci si potrà godere con calma i vari punti vendita sia perchè in quelle ore il sole crea degli stupendi giochi di luce che renderanno l’esperienza ancora più suggestiva. Per chi visita Amsterdam per poco tempo un souvenir originale da comperare è sicuramente uno o più bulbi di qualche specie floreale, prima dell’acquisto però è utile chiedere informazione al rivenditore a proposito delle norme di esportazione, può capitare che alcuni bulbi non possono essere imbarcati e portati in alcuni Paesi esteri rischiando quindi di dover lasciare alla dogana il tutto e tornare a casa a mani vuote.

Cosa fare al Mercato dei Fiori di Amsterdam

Il Mercato dei Fiori è situato nel cuore di Amsterdam pertanto non sarà difficile trovare qualche attività da poter compiere nei dintorni del Blomenmarkt. Dopo aver visitato il mercato e aver eventualmente fatto incetta di fiori e bulbi si potrà fare uno spuntino al volo in uno dei tanti chioschetti della zona ad esempio: assaggiare qualche prelibatezza a base di Gouda ossia il tipico formaggio olandese o sedersi in qualche locale e degustare una birra accompagnata da una porzione di chips. Le strade poi circostanti offrono ottime opportunità di shopping. Le strade Kalverstraat e Leidsestraat sono poco lontane dal mercato e sono ricche di negozi delle note catene di abbigliamento e di boutique esclusive. La piazza Spui, incentrata alla promozione della cultura, ospita le più importanti librerie e biblioteche della città, nonché mercatini di arte e libri. Gli appassionati di cinema non possono non recarsi presso il  teatro Pathé Tuschinski, con le sue ricche rifiniture in stile Art Déco, le sue decorazioni raffinate e una sala abbellita da balconate spettacolari. Piazza Spui ospita anche artisti di strada che. a una modica cifra, potranno adoperarsi nel fare un ritratto a uno o più soggetti o vendere le loro opere di solito ispirate alle bellezze della città o ai paesaggi agresti olandesi.

 

 

Leave a Reply