L’Aia, cosa vedere nella capitale politica dei Paesi Bassi

L’Aia o, come più comunemente viene chiamata, Den Haag è una delle più importanti città olandesi e può essere definita la capitale ufficiosa del Paese dal momento che ospita: la sede del governo, il Parlamento, le sedi di molteplici organismi comunitari e internazionali (tra i più importanti troviamo: la Corte internazionale di giustizia, il Tribunale penale internazionale per l’ex Jugoslavia e la Corte penale internazionale) e dal 1831 anche la residenza della famiglia Reale.  Ubicata a poca distanza da Amsterdam e Rotterdam questa città merita sicuramente una visita non soltanto per i musei di arte e per le infrastrutture storiche presenti ma anche perché l’Aia è una città famosa per lo shopping e per il relax dovute dalla presenza di bellissime spiagge e favolosi parchi.

Cosa vedere a L’Aia

Mauritshuis

L’attrattiva turistica principale della città è sicuramente il museo Mauritshuis. Il palazzo, in precedenza, era la residenza del conte Johan Maurits van Nassau-Siegen (dal quale ancora oggi ne prende la denominazione), ospitando oggi una vasta collezione di arte fiamminga come alcune tra le principali opere di: Vermeer, Rembrandt, Steen e Potter. L’opera che assolutamente è il vero fiore all’occhiello del museo è “La ragazza col turbante” conosciuta anche come “La ragazza con l’orecchino di perla” di Vermeer soprannominata la “Gioconda del Nord”, ma meritano assolutamente attenzione anche altri capolavori come “La lezione di anatomia del dottor Tulp” di Rembrandt e “Il peccato originale” di Rubens.  Il museo ha orari un po’ ristretti: il lunedì dalle 13:00 alle 18:00. Dal martedì alla domenica dalle 10:00 alle 18:00.
Prezzi: 15,50€ intero; gratis under 19 anni o per i possessori dell’Holland Pass.

Museo di Escher

Altra tappa obbligatoria, o alternativa al Mauritshuis nel caso si avesse poco tempo a disposizione, è sicuramente il museo dedicato a Maurits Cornelis Escher maestro assoluto nell’arte di creare situazioni impossibili e illusioni ottiche in xilografie e litografie. La mostra si compone di oltre 150 opere permettendo al visitatore di ripercorrere tutta la vita e la consequenziale evoluzione artistica di Escher. Il museo è posto a 10 minuti dalla stazione centrale ed è facilmente raggiungibile con il tram n.9 o n.17.
Orari: tutti i giorni dalle 11:00 alle 17:00. Chiuso il lunedì.
Prezzi: 9,50€ intero, 6,50€ ridotto ragazzi 7-15 anni, gratis under 6.

Binnenhof

Il Binnenhof è la sede del potere per eccellenza, dal momento che ospita, in modo permanente, le due camere del parlamento olandese e l’ufficio del Primo Ministro in una piccola torre rotonda posta proprio di fronte al Museo Mauritshuis. Visitare il Binnenhof, compresa la camera dei cavalieri, è possibile dovendo però obbligatoriamente prenotarsi agli uffici di Prodemos, le visite vanno prenotate in loco al costo di 11 euro a persona. La visita durerà circa 2 ore e sono condotte in più lingue, la guida italiana non è presente ma comunque è prevista un’audioguida in italiano seppur comunque è necessaria la presenza di un addetto per questioni di sicurezza. Il tour comprenderà la visita sia alla camera alta (dove si riunisce il Senato) che alla camera Bassa (dove si riunisce il Parlamento) e la sala dei cavalieri (dove ogni anno il Re tiene il suo discorso). Quest’ultima è il vero e proprio cuore storico dell’intero complesso. Si tratta, infatti, dell’area più antica dell’edificio ove al suo interno sono presenti gli stemmi di tutte le province dei Paesi Bassi. Ogni anno, nel giorno del Re, tutti i rappresentanti delle province olandesi si riuniscono per ascoltare il discorso che il sovrano tiene al Parlamento e al Paesi intero.
Orari: la struttura è aperta dal Lunedi al Sabato, dalle 10:00 alle 17:00. Le visite possono essere svolte anche tenendo conto degli impegni iscritti nell’agenda parlamentare.

 

Madurodam

La città ospita numerosi parchi dove è possibile rilassarsi potendo immergersi completamente nella natura allontanandosi dai rumori e dallo stress cittadino. Un parco però che merita sicuramente una visita è il Madurodam questo infatti è un parco a tema e permette al visitatore di ripercorrere la storia olandese potendo analizzare nel dettaglio edifici, battaglie e invenzioni che hanno fatto la storia fiamminga o attività che ancora oggi caratterizzano la vita dei cittadini olandesi. Si potrà ad esempio: azionare la diga di sbarramento della Schelda Orientale, caricare i container su una nave cargo nel porto di Rotterdam, fare decollare un aereo dall’ aeroporto di Schiphol e tanto altro ancora. Il Madurodam è sicuramente il luogo ideale per grandi e piccini per svagarsi all’area aperta e al contempo imparare moltissimo sulla cultura e la storia olandese.
Orari:Il parco è aperto tutto l’anno dalle 11:00 alle 17:00.
Prezzo d’ingresso è di 17.50 euro.

Vredespaleis

Il Vredespaleis (Palazzo della Pace) fu costruito nel XIX secolo come simbolo di pace mondiale, la sua realizzazione è avvenuta attraverso la cooperazione collettiva di ogni Paese che ha contributo a realizzare una parte dell’attuale struttura oltre ad aver ognuno donato importanti tesori e opere d’arte.  Ospita attualmente importantissimi organismi nazionali e internazionali come: la Corte Internazionale di Giustizia, la Corte Permanente di Arbitrato, l’Accademia del Diritto Internazionale e la biblioteca del Palazzo della Pace; inoltre nel centro visitatori, aggiunto nel 2012 e progettato da Michael Wilford, è presente una mostra permanente sulla storia del movimento pacifista. L’8 aprile 2014 con decisione della Commissione europea il Palazzo della Pace è stato insignito del Marchio del patrimonio europeo per il suo impegno nella realizzazione degli ideali di pace. L’area esterna e il museo possono essere visitati ogni giorno mentre invece la visita interna non è sempre possibile, questa infatti va prenotata con molto anticipo ed è dedicata ad un massimo di 20 persone.

Il centro storico e l’Hofkeartier

Il centro storico e l’Hofkeartier meritano sicuramente una visita. Il primo è una splendida perla dove è ancora possibile trovare stradine e botteghe antichissime o negozi e bar alla moda per rilassarsi e rifocillarsi. Ma sia il centro storico che l’Hofkeartier sono famosi per essere luoghi ricchi di negozi alla moda. L’Aia è infatti una città molto mondana e questi sono i luoghi ideali per poter sbizzarrirsi nelle compere. L’Hofkwartier non è solo moda ma qui è anche ubicata il Palazzo Noordeinde, una proprietà della famiglia reale non accessibile al pubblico.

Scheveningen

Situata a soli 5 km dal centro di Aia questa è la spiaggia più famosa d’Olanda. Scheveningen infatti è conosciuta per le sue dune ma anche per essere un luogo molto vivace, soprattutto in estate, per la presenza di hotel, bar, ristoranti, locali, discoteche e per le tantissime attività che si svolgono (come ad esempio corsi gratuiti di surf). Un luogo ideale quindi per rilassarsi e staccare un po’ la spina dalla routine quotidiana.

 

Come raggiungere L’Aia

L’Aia può essere raggiunta facilmente sia se si è ad Amsterdam che a Rotterdam.  L’aeroporto internazionale di Rotterdam si trova a poco più di 20 chilometri di distanza dalla città, da cui è ben collegato con i mezzi pubblici. All’esterno della sala arrivi, si trova lo stazionamento dei bus. Bisognerà utilizzare la linea 33 per arrivare a Meijersplein, da cui parte la linea E della metropolitana per L’Aia. Il viaggio in bus dura circa 7 minuti; la metro, invece, impiega circa 25 minuti per arrivare a destinazione. Il biglietto costa poco più di 4.00€ a tariffa intera. Nel caso invece si voglia raggiungere l’Aia da Amsterdam bisognerà servirsi, anche in questo caso, della rete ferroviaria che impiegherà circa 50 minuti per svolgere la tratta desiderata. La stazione di partenza non sarà però Amsterdam Centraal ma Amsterdam Zuid. Il costo del tragitto è di circa

Dove mangiare a L’Aia

La città ospita numerosi ristoranti specializzati sia in cucina locale che straniera, merita sicuramente una visita però Instobzck (Buitenhof n.36), questo ristorante è famoso per utilizzare cibo che andrebbe gettato perché esteticamente non più attraente o perché prossimo alla scadenza. Il locale è economico ed è specializzato nella preparazione soprattutto di pietanze della tradizione non disdegnando comunque di offrire anche piatti di cultura estera. Il cliente inoltre potrà imparare moltissimo su una tematica sempre molto sottovalutata ossia: lo spreco di cibo, infatti il locale è disseminato di illustrazioni che spiegano come questa sia una piaga sempre più pericolosa. Instock è aperto tutti i giorni e serve colazioni, pranzi, cene e drink e accetta pagamenti  solo con carte di credito.

Lascia un commento