Il quartiere Jordaan, il ‘melting pot’ di Amsterdam

È il risultato dell’incontro fra la cultura olandese e le tradizioni degli immigrati che vi sbarcarono durante il Secolo d’Oro. Si tratta di Jordaan, il quartiere più bohémien di Amsterdam. La presenza di Fiamminghi, Tedeschi, Ebrei Portoghesi ed Ugonotti ne ha plasmato l’immagine, motivo per il quale è uno dei must-see della capitale olandese.

E dire che Jordaan fu ad un passo dal restare completamente disabitato. I flussi migratori in entrata del XVII secolo misero a dura prova la tenuta del quartiere, le cui pessime condizioni igieniche dovute al sovrappopolamento spinsero via una buona parte degli abitanti. Chi poteva permettersi un alloggio migliore non esitava a lasciare il quartiere, divenuto oramai invivibile.

Il trend continuò sino al XX secolo, quando il governo cittadino decise di radere al suolo Jordaan. L’operazione venne però bloccata dalle proteste della popolazione, che non avrebbe permesso la demolizione di un quartiere dall’alto valore culturale. Fu così che negli anni ’70, grazie ad una nuova generazione di artisti, Jordaan tornò allo splendore di una volta mettendosi alle spalle tre secoli di oscurità. Ma è proprio il suo passato ad esercitare un gran fascino sui milioni di turisti che ogni anno visitano questo splendido angolo di Amsterdam.

Come arrivare a Jordaan Amsterdam

Raggiungere il quartiere Jordaan è molto facile, specie con i mezzi pubblici. Partendo dalla Stazione Centrale di Amsterdam, si hanno a disposizione diverse opzioni.

Se si sceglie il tram, bisogna prendere il n. 17 o il n. 13 e scendere alla fermata Westermarkt (o alla successiva, Marnixstraat); in media, basta una decina di minuti per arrivare a destinazione. Prendendo la linea 2, invece, bisogna scendere a Keizersgracht. Volendo optare per il bus (il n. 18 o il n. 22), la fermata di arrivo è Hendrikplantsoen. Anche in taxi, il quartiere è raggiungibile in 10-15 minuti. Chi invece preferisce camminare può arrivare a Jordaan direttamente a piedi: a passo moderato, occorrono soltanto 20 minuti. E lungo il percorso si ha la possibilità di ammirare scorci caratteristici e diverse attrazioni turistiche.

Partendo dall’aeroporto di Amsterdam Schipol, i mezzi pubblici a disposizione sono gli stessi. In questo caso c’è da tenere conto che, partendo dalla periferia, saranno necessari almeno 18 minuti in treno e 38 in autobus per arrivare a destinazione.

Cosa vedere a Jordaan Amsterdam

Il quartiere Jordaan, oltre ad essere uno dei più pittoreschi di Amsterdam, è caratterizzato da numerose attrazioni e vari luoghi di interesse turistico; alcuni di questi sono tra i più famosi e gettonati della capitale olandese.

Casa di Anna Frank

La casa di Anna Frank è sicuramente il museo più celebre del quartiere. Lo straziante destino della giovane ebrea tedesca, strappata alla vita a soli sedici anni, viene commemorato nella piccola esposizione ricavata in quella che fu l’abitazione (e il nascondiglio) della famiglia Frank. La casa museo è un luogo altamente suggestivo e fortemente evocativo, nel quale il visitatore può riflettere sugli orrori della Seconda Guerra Mondiale.

Casa di Anna Frank Jordaan Amsterdam

Theo Thijssen Museum

Di estrema rilevanza storica e culturale è il Theo Thijssen Museum, intitolato all’omonimo scrittore, insegnante e politico olandese. Thijssen è un punto di riferimento per la cultura nazionale olandese, paragonabile a Dante Alighieri per l’Italia. Per questo motivo, al piano terra di quella che fu la sua dimora, è stato allestito un bellissimo museo in cui è esposta una variegata collezione fatta di manoscritti, fotografie e disegni.

Ultima casa di Rembrandt

Altra personalità di spicco della cultura dei Paesi Bassi è Rembrandt. Il celebre pittore ed incisore trascorse gli ultimi anni di vita proprio nel quartiere Jordaan di Amsterdam. La sua casa si trova al 184 di Rozengracht, dove è possibile ammirare delle splendide targhe commemorative dedicate ad uno dei massimi esponenti dell’Età dell’Oro olandese.

Chiesa di Noorderkerk

Il vero e proprio simbolo del quartiere è però la chiesa di Noorderkerk. Piccola nota storica: la sua fondazione è legata alla presenza di diverse comunità protestanti formate da gente di bassa estrazione sociale, che al pari dei borghesi necessitavano di un luogo di culto. Le persone più abbienti si recavano generalmente a Westerkerk, mentre Nooderkerk fu eretta appositamente per le classi sociali meno benestanti.

Piazza di Noordermarkt

Nel passato affondano anche le radici del Noordermarkt. La piazza si trova esattamente di fronte la chiesa di Nooderkerk; nel 1941 ospitò un’importante manifestazione di protesta contro le leggi antisemite. Questa, disgraziatamente, fu affogata nel sangue dalle forze di estrema destra. Gli eroi che quel giorno scesero in piazza a combattere per i diritti degli ebrei vengono commemorati da una lapide posta sulla facciata della chiesa. Noordmarkt, che di sabato ospita un ricco mercatino, è circondata da locali e ristoranti dove fermarsi a pranzo o a cena.

Jordaan Festival

Generalmente in programma ad inizio settembre, lo Jordaan Festival è un evento imperdibile per gli amanti della musica che vogliono avvicinarsi al folk olandese. Si chiama Levende ed è un genere autoctono apprezzatissimo dai locali. Il festival si tiene nella splendida location di Appeltjesmarkt. La manifestazione attira ogni anno diverse di migliaia di appassionati (o semplici curiosi) provenienti sia da varie parti del paese che dall’estero.

Electric Ladyland

Chiudiamo con un punto d’interesse apprezzato in maniera particolare dai più piccoli. L’Electric Ladyland è “il primo museo dell’arte fluorescente” che espone non soltanto opere d’arte ma anche oggetti di uso comune e minerali fluorescenti. Il museo è stato inaugurato nel 1999 e si trova al di sotto della Galleria d’Arte “Electric Lady”; l’Electric Ladyland è un luogo a dir poco sui generis ma anche una tappa obbligata per chi decide di visitare il quartiere Jordaan Amsterdam.

Pernottare in Hotel Amsterdam Jordaan

Trovare un albergo accogliente nei pressi del quartiere Jordaan – a prescindere dal lusso che ci si vuole concedere – non è affatto un’impresa. I prezzi, considerando che ci si trova in una zona particolarmente caratteristica di Amsterdam, sono in linea con la media europea.

Leave a Reply